Blog: http://FaustoRaso.ilcannocchiale.it

Superlativi "particolari"

 


G

entili amici, oggi vogliamo spendere due parole sul suffisso “-issimo” che serve per la formazione del superlativo assoluto. Quasi tutti gli aggettivi di grado positivo possono diventare superlativi assoluti con una semplice operazione. Si tolgono le desinenze “-o” e “-a” (se gli aggettivi appartengono alla prima classe) ed “-e” (se appartengono, invece alla seconda) e si “appiccica” il suffisso

 “-issimo”: bello, bell, bellissimo; facile, facil, facilissimo. Le cose si complicano un poco quando gli aggettivi terminano in “-io”. Occorre vedere se la “i” è tonica, in questo caso si manterranno le due “i”, quella del tema o radice e quella del suffisso: restío, restiissimo. Se la “i” della radice, invece, è atona si fonderà con quella del suffisso: vecchio, vecchissimo. Un discorso a parte per quanto riguarda gli aggettivi in “eo” e in “-uo”. Alcuni di questi, per esempio argenteo e ferreo, costituendo il complemento di materia non possono per il loro stesso significato diventare di grado superlativo (ma anche comparativo).

Altri, infine, avrebbero il normale finale in “-eissimo” e “-uissimo” che, però, è da evitare per una questione di... “suono”; avremmo, infatti, ateissimo, innocuissimo, idoneissimo ecc., parole decisamente cacofoniche. In questi casi, quindi, si può ricorrere all’ausilio del preziosissimo avverbio: molto proficuo, del tutto ateo, assai innocuo e via discorrendo. A proposito di innocuo, abbiamo fatto una scoperta allucinante: innoquo!

Guardate questi collegamenti:

Note sul Boccaccio in Ispagna nell' eta `media ...? - Pagina 111

Arturo Farinelli - 1906 - 112 pagine

Dal Decameron, tollerato, e qualche volta purgato, dichiarato, collo scarto d'
alcune novelle 'deshonestas', innoquo, ...

La scrittura delle scienze sociali? - Pagina 115

Gabriele Pasqui - 1996 - 219 pagine

è da un lato un che di affatto innoquo; dall'altro lato, però, è stolto il
supporre che con ciò si trovi espresso più di quanto il pensiero possa ...

Critica letteraria? - Pagina 542

1977

E Maccari: « È bene aggiungere che alla Tipografia dove si stampa questo povero
timido innoquo Selvaggio è un continuo viavai di carabinieri, ...

Giornale critico della filosofia italiana? - Pagina 213

Giovanni Gentile - 1980

... fa invece per i cattolici e in non-jurors: di qui l'accento sul carattere
innoquo degli atei e la loro caratterizzazione 109 FT, 1720, (I* edizione), p

Quaderni di lingue e letterature, Numero 1? - Pagina 229

Università di Padova. Istituto di lingue e letterature straniere di Verona, Università di Verona. Facoltà di lingue e letterature straniere - 1976

... possiamo capire come abbia cercato una via di uscita affrontando un
argomento apparentemente innoquo. Scrive alla madre: « Il mio lavoro andrebbe

Potremmo continuare per un bel po’...

A scanso di equivoci: la sola grafia corretta di innocuo è con la “c”. Dal Dop:

Sempre a proposito di 'innoquo', cliccate su questo collegamento: http://www.senzasoste.it/livorno/senti-chi-sparla-piccola-inchiesta-sugli-strafalcioni-della-stampa-locale

Pubblicato il 3/3/2010 alle 0.2 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web