Blog: http://FaustoRaso.ilcannocchiale.it

La gelosia? È persiana...

 


S

í, sembrerebbe proprio di sí: la gelosia è nata in Persia o, per lo meno, nei Paesi dell’Oriente. Non stiamo parlando della gelosia in senso proprio, ossia di quello stato d’animo caratteristico delle persone che, a torto o a ragione, dubitano della fedeltà e dell’amore dell’amato o dell’amata. Stiamo parlando di quel marchingegno di legno (o di ferro), composto di stecche intelaiate trasversalmente e inclinate, che si mette nelle finestre per lasciare passare l’aria e la luce (e non esser visti da occhi indiscreti); in altre parole stiamo parlando delle persiane, oggi sostituite dalle serrande. Le persiane, chiamate anche gelosie, hanno, però, una stretta relazione con la... gelosia, donde il nome, appunto. Questi serramenti, dunque, che consentono a chi è dentro di guardare fuori senza esser... visto, sono stati inventati proprio per motivi di gelosia: per ‘proteggere’ le donne che stanno in casa dagli sguardi degli uomini. Le gelosie orientali (i prototipi, potremmo dire) erano fisse (non si potevano aprire, quindi) e molto spesso erano di pietra e chiudevano ogni apertura della casa. Le persiane arrivate a noi dal lontano Oriente sono state impiegate per motivi diversi dalla gelosia, oseremmo dire per motivi piú “civili”, anche se ne ricordano il nome.

 

 

* * *

 

Dalla rubrica di lingua del Corriere della Sera in rete:

passato remoto verbo fare

Caro De Rienzo,

so bene che la prima persona plurale del verbo fare al pasato remoto è "facemmo", ma in una frase ho utilizzato "fecimo" e sono stata subito ripresa con tanto di dizionario! Vorrei, quindi, chiederLe, se quest'ultima forma è scorretta, o se può invece essere utilizzata come forma del parlato.

Grazie.

(Firma)

Risposta:

 De Rienzo Lunedì, 01 Marzo 2010 

No, esiste solo una forma letteraria "femmo".

-------------------

Non v’è dubbio alcuno che il passato remoto di fare (I persona plurale) è “facemmo”. È esistita, però, fino a qualche secolo fa, la variante “fecimo”, piú vicina al latino ‘fecimus’. Questa forma si trova, infatti, in molti scrittori “antichi”, tra cui “Epistolario di Quintino Sella, Volume 1? - Pagina 60

Quintino Sella, Guido Quazza, Marisa Quazza - 1980

Siccome potrebbe esservi utile il sapere quanto costi un viaggio a Parigi, vi dò

qui un dettaglio delle spese che fecimo lasciando però quelle che in caso ...”.

Si veda anche: Analisi critica dei verbi italiani investigati nelle loro primitiva origine? - Pagina 617

Vincenzio Nannucci - 1843 - 824 pagine

Inf. Quando fecimo dimora per vedere I' altra fessura di Malebolge. ... Fecimo,

 

  

 

 

Pubblicato il 2/3/2010 alle 0.1 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web