.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


21 marzo 2010

L'emarginazione

 


C

rediamo che nessuna parola italiana abbia avuto piú “fortuna” di quella della quale ci occupiamo in queste noterelle: emarginazione. È sempre sulla bocca di tutti, spesso a sproposito. Ma i “fruitori” per eccellenza di questo vocabolo sono gli “operatori delle scienze sociali”: psicologi, sociologi, insegnanti, psichiatri, assistenti sociali. Non c’è un dibattito televisivo in cui uno degli invitati non la “tiri fuori”: la causa di quanto sta accadendo, gentili signori, va ricercata nell’emarginazione in cui sono costretti a vivere questi poveri derelitti. Cosí sentenziò, tempo fa, un notissimo sociologo intervistato da un giornalista della Rai sul problema dei nomadi nelle nostre città. Cos’è, dunque, quest’emarginazione? C’è da dire, innanzi tutto, che abbiamo notato, con vivo stupore, che molti vocabolari non registrano il termine che deriva, ovviamente, dal verbo emarginare, vale a dire annotare, “segnare in margine”. Questa omissione dei dizionari (quelli da noi consultati) si può spiegare, probabilmente, con il fatto che il vocabolo in oggetto non esisteva nell’italiano antico, né, tanto meno, nel latino. Il termine è una voce gergale degli addetti all’arte tipografica e significa, alla lettera, “collocare fuori del margine” (il prefisso “e-” che si riscontra in alcuni verbi suggerisce l’idea di “esteriorità”: e-mettere; e-leggere) e indica, con la massima chiarezza, l’operazione per cui il tipografo colloca una parola o un gruppo di parole fuori delle righe e quindi del “corpo stampato”, nella parte bianca a lato, per metterle bene in evidenza. Se vi capita fra le mani un libro scolastico potrete notare, infatti, che molte parole sono scritte fuori del testo, sulla destra e, per lo piú, in neretto, appunto per evidenziarle. Con uso metaforico, cioè in senso figurato, è stato adoperato, anzi è adoperato, il verbo ‘emarginare’, con i suoi derivati (emarginazione, emarginato), per indicare l’azione per cui una determinata comunità o l’intera società tiene fuori del suo corpo - come una pagina stampata - un individuo o un gruppo di individui. A mo’ d’esempio potremmo dire che sono emarginati tutti gli immigrati in una città in cui non riescono a integrarsi con gli “indigeni”; coloro che per menomazioni psichiche o fisiche non vengono inseriti nella vita quotidiana e “normale” degli altri esseri umani; coloro che a causa delle loro idee diverse da quelle della maggioranza dei loro concittadini sono isolati e quasi respinti dagli altri; i moltissimi diseredati che la miseria tiene fuori delle condizioni, se non ottimali, per lo meno tollerabili della maggioranza delle persone che si ritengono civili.





permalink | inviato da FaustoRaso il 21/3/2010 alle 0:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA