.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


20 marzo 2010

Sbellicarsi dalle risa

 


C

hi non ha mai adoperato, anzi, messo in pratica questa locuzione che - come sappiamo - significa “ridere senza ritegno”, “ridere smoderatamente”, “ridere senza riuscire a trattenersi”? Pochi, però, e non vorremmo peccare di presunzione, conoscono il “perché” del modo di dire. Donde viene, dunque? Dal verbo “sbellicare”, di uso intransitivo e rimasto, oggi, solo nella locuzione suddetta e che letteralmente significa “rompere l’ombelico”. Da “bellico” (ombelico) piú il prefisso “s-” che indica separazione o allontanamento. Colui che si “sbellica” dalle risa, dunque, quasi rompe - in senso figurato, naturalmente - l’ombelico. Sulla base di questo primitivo significato sono nate altre locuzioni che alludono alla strana sensazione di sentirsi scoppiare l’addome per un attacco di riso, come “tenersi la pancia dalle risate”, “scoppiare dal ridere” e simili.

 

* * *

 

Dallo “Scioglilingua” del Corriere della Sera in rete:

Dubbio su un verbo: singolare o plurale

Gentile Professor De Rienzo,

ho un dubbio su questa frase: ...si costruisce così una rete di informazioni e relazioni che permette (permettono?) di acquisire una conoscenza...

Il verbo permettere, deve essere concordato al singolare con rete, oppure, al plurale con informazioni e relazioni ?

La ringrazio.

Buona giornata.

 L.G.

Risposta del linguista:

 De Rienzo Venerdì, 19 Marzo 2010 

Al singolare con "rete".

----------------------

Non saremmo cosí “drastici” nella risposta; il verbo, a nostro modo di vedere, si può accordare tanto con rete quanto con informazioni e relazioni. Forse è meglio quest’ultimo accordo perché il pronome ‘che’ è troppo lontano da ‘rete’. La “legge grammaticale” - ci sembra - in casi del genere lascia “libertà di accordo”, a seconda che si voglia dare maggiore “importanza” a un elemento o a un altro.




permalink | inviato da FaustoRaso il 20/3/2010 alle 0:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        maggio
 
 




blog letto 1895464 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA