.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


22 settembre 2007

Il plurale di "prestanome"

 

Se la memoria non ci inganna una “legge grammaticale” stabilisce che i nomi composti con una forma verbale e un sostantivo maschile singolare restano invariati nella forma plurale se si riferiscono a un femminile: Giulia e Silvana sono delle ficcanaso. Si “pluralizzano” regolarmente, invece, quando si riferiscono a un maschile: Pietro e Giovanni sono dei ficcanasi. Secondo questa regola si deve dire, quindi, che Giulio e Mario sono solo dei prestanomi e non “prestanome” come, sovente, leggiamo sulla stampa. Alcuni vocabolari, però, sembrano ignorare la “regola” sopra citata e registrano il sostantivo “prestanome” come nome maschile e femminile invariato; il solo, tra quelli che abbiamo consultato, che segue la “legge linguistica” è il Gabrielli 2008 in rete:

prestanome

prestanome
[pre-sta-nó-me]
s.m. e f. (pl. -mi)
Chi permette ad altri di usare il proprio nome per atti o affari in cui il diretto interessato non può o non vuole apparire con il suo vero nome: ha concluso l'affare ricorrendo a un p.

Il De Mauro in rete, il Sabatini Coletti in rete, il Treccani in rete, Sapere.it (De Agostini) attestano, come accennavamo, l’invariabilità del sostantivo. Per logica, se quattro vocabolari su cinque sono sulla stessa “lunghezza d’onda” vuol dire che il quarto (Gabrielli) ha toppato. No, non è cosí, amici, e la “prova provata” sta nel fatto che i predetti vocabolari sono discordi sul plurale di “ficcanaso”. Chi ama la buona lingua, dunque, segua le “direttive” del Gabrielli.




permalink | inviato da FaustoRaso il 22/9/2007 alle 0:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA