.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


16 marzo 2010

Magari!

 


M

agari!, interiezione con la quale si esprime un desiderio, un augurio, un’affermazione e sta per “volesse Dio”, “cosí fosse”, “altro che”. Per l’origine diamo la “parola” a Enzo La Stella.

Questa comunissima interiezione che usiamo per invocare un avvenimento fausto e insperato, ha origine greco-bizantina e un significato quasi sacrale, dato che  tira in ballo le anime dei defunti (‘makàrios’, in greco significa beato) che vengono cosí strumentalizzate per l’ottenimento di fini, in genere, terreni. D’altra parte, in quel misto di religiosità e superstizione che sonnecchia nel fondo del nostro animo, si annida sempre la speranza di un evento soprannaturale che venga in nostro aiuto: lo testimonia il frequente ricorso alla ‘smorfia’ (corruzione di Morfeo, divinità greca del sonno e dei sogni) cui si ricorre per trasformare in un terno secco l’immagine apparsaci nel sonno e che spesso è quella di un defunto. Non siamo solo noi Italiani a invocare aiuti da altri mondi: lo spagnolo ‘ojalà’ e il turco ‘insciallah’ giungono addirittura a richiedere l’intervento o l’aiuto di Allah (i Turchi, forse, lo fanno ancora con un residuo di religiosità, cosa che ci sentiamo di escludere per gli Spagnoli, il cui vecchio vocabolo non ha oggi alcun collegamento effettivo con la divinità).

Per il linguista Ottorino Pianigiani l’esclamazione è adoperata soprattutto dai napoletani che l’hanno “esportata” nel resto dell’Italia e vale, come dicevamo, “Dio volesse!”.




 

PS. Si presti attenzione: magari, popolarmente ‘magara’, non sempre è un’interiezione. Si clicchi su  magari

  

* * *

  

Nell’intervento di ieri, a proposito di successo, abbiamo dimenticato di specificare che succedere ha due participi passati: successo e succeduto. Il primo si usa quando il verbo sta per “avvenire”, “accadere”; il secondo quando vale “venire dopo”: ieri sono successe cose turche; Giovanni è succeduto a Lorenzo nell’incarico di amministratore.

succedere


 

* * *

 

Una grammatica italiana da “ascoltare”: http://www.gaudio.org/lezioni/grammatica/index.htm




permalink | inviato da FaustoRaso il 16/3/2010 alle 0:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        maggio
 
 




blog letto 2069716 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA