.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


15 marzo 2010

Fare una cosa a pera

 


F

are una cosa a pera, vale a dire fatta male, perché le pere sono il frutto che presenta la maggiore irregolarità di forma. La irregolarità della pera, quindi, dà il senso di qualcosa di deforme, di mal costruito e, per estensione, di mal congegnato, quindi di... insensato, di illogico, irrazionale. Di qui anche l’espressione “essere un discorso (fatto) a pera”, cioè sconclusionato, senza senso né logica. Con significato affine le locuzioni “essere il discorso di Arlecchino”, un discorso, cioè, arruffato, che non regge, privo di logica; “essere una pappardella”, vale a dire un ragionamento o uno scritto sconclusionato, sconnesso e, molto spesso, anche noioso.

 

 

* * *

 

 

Dallo “Scioglilingua” del Corriere della Sera in rete:

Dubbi

Gentile De Rienzo, le pongo due piccoli quesiti:

1. In prima pagina del Corriere leggo: <qual è> senza apostrofo. È un errore o sbaglio io a non scrivere così?

2. <Successo> è il participio passato di succedere. Perchè ha assunto il significato di oggi, di un fatto decisamente positivo?

La ringrazio e saluto

Angelo

Risposta:

 De Rienzo Domenica, 14 Marzo 2010 

Qual è va scritto senza apostrofo. Il participio di succedere è succeduto.

---------------

Il lettore desiderava sapere perché il participio passato di succedere ha acquisito l’accezione di un “fatto decisamente positivo”. Il motivo è semplicissimo: è il latino “successus” (avvenimento, buon fine, buon esito), derivato del verbo latino “succedere” nel significato di “avvenire” e, per estensione, “riuscire”, quindi “avere buon esito”.

Dal Pianigiani:

 

 
                                                                                      * * *

Lingua, linguacce e società, un articolo di Silverio Novelli
http://www.treccani.it/Portale/sito/lingua_italiana/scritto_e_parlato/ese.html




permalink | inviato da FaustoRaso il 15/3/2010 alle 0:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        maggio
 
 




blog letto 2069728 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA