.

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


3 marzo 2010

Superlativi "particolari"

 


G

entili amici, oggi vogliamo spendere due parole sul suffisso “-issimo” che serve per la formazione del superlativo assoluto. Quasi tutti gli aggettivi di grado positivo possono diventare superlativi assoluti con una semplice operazione. Si tolgono le desinenze “-o” e “-a” (se gli aggettivi appartengono alla prima classe) ed “-e” (se appartengono, invece alla seconda) e si “appiccica” il suffisso

 “-issimo”: bello, bell, bellissimo; facile, facil, facilissimo. Le cose si complicano un poco quando gli aggettivi terminano in “-io”. Occorre vedere se la “i” è tonica, in questo caso si manterranno le due “i”, quella del tema o radice e quella del suffisso: restío, restiissimo. Se la “i” della radice, invece, è atona si fonderà con quella del suffisso: vecchio, vecchissimo. Un discorso a parte per quanto riguarda gli aggettivi in “eo” e in “-uo”. Alcuni di questi, per esempio argenteo e ferreo, costituendo il complemento di materia non possono per il loro stesso significato diventare di grado superlativo (ma anche comparativo).

Altri, infine, avrebbero il normale finale in “-eissimo” e “-uissimo” che, però, è da evitare per una questione di... “suono”; avremmo, infatti, ateissimo, innocuissimo, idoneissimo ecc., parole decisamente cacofoniche. In questi casi, quindi, si può ricorrere all’ausilio del preziosissimo avverbio: molto proficuo, del tutto ateo, assai innocuo e via discorrendo. A proposito di innocuo, abbiamo fatto una scoperta allucinante: innoquo!

Guardate questi collegamenti:

Note sul Boccaccio in Ispagna nell' eta `media ...? - Pagina 111

Arturo Farinelli - 1906 - 112 pagine

Dal Decameron, tollerato, e qualche volta purgato, dichiarato, collo scarto d'
alcune novelle 'deshonestas', innoquo, ...

La scrittura delle scienze sociali? - Pagina 115

Gabriele Pasqui - 1996 - 219 pagine

è da un lato un che di affatto innoquo; dall'altro lato, però, è stolto il
supporre che con ciò si trovi espresso più di quanto il pensiero possa ...

Critica letteraria? - Pagina 542

1977

E Maccari: « È bene aggiungere che alla Tipografia dove si stampa questo povero
timido innoquo Selvaggio è un continuo viavai di carabinieri, ...

Giornale critico della filosofia italiana? - Pagina 213

Giovanni Gentile - 1980

... fa invece per i cattolici e in non-jurors: di qui l'accento sul carattere
innoquo degli atei e la loro caratterizzazione 109 FT, 1720, (I* edizione), p

Quaderni di lingue e letterature, Numero 1? - Pagina 229

Università di Padova. Istituto di lingue e letterature straniere di Verona, Università di Verona. Facoltà di lingue e letterature straniere - 1976

... possiamo capire come abbia cercato una via di uscita affrontando un
argomento apparentemente innoquo. Scrive alla madre: « Il mio lavoro andrebbe

Potremmo continuare per un bel po’...

A scanso di equivoci: la sola grafia corretta di innocuo è con la “c”. Dal Dop:

Sempre a proposito di 'innoquo', cliccate su questo collegamento: http://www.senzasoste.it/livorno/senti-chi-sparla-piccola-inchiesta-sugli-strafalcioni-della-stampa-locale




permalink | inviato da FaustoRaso il 3/3/2010 alle 0:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        maggio
 
 




blog letto 1311818 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA