.
Annunci online

FaustoRaso
LA LINGUA ITALIANA


Diario


28 febbraio 2010

Un "orrore" accademico

 

I

n risposta a un lettore che chiede “lumi” circa l’uso corretto dell’articolo indeterminativo, gli esperti della accademia della Crusca, tra le altre cose, scrivono: L’unico caso che presenta possibili problemi è quello dell’articolo indeterminativo maschile davanti a vocale, quando si impiegherebbe l’articolo determinativo forte lo apostrofato, l’. Infatti, la variante elisa di uno non ha l’apostrofo. Si ha quindi: un ariete, un espresso, un ornitorinco, un enzima, un unguento; è sbagliato scrivere *un’animale,*un’enzima;” (http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=4274&ctg_id=93)

La "variante elisa", per non trarre in inganno i lettori, va emendata in "variante tronca". Il troncamento - vale la pena ricordarlo - è la caduta della parte finale di una parola. A differenza dell'elisione, che si può avere solo se la parola che segue comincia per vocale, il troncamento - cosa importantissima - si può avere anche quando la parola che segue comincia per consonante (purché non sia una "s impura", una "z", una "x" e i gruppi "gn" e "ps").

 

 

* * *

Daffare e da fare

Se consultiamo un qualunque vocabolario, il Treccani in rete per esempio, alla voce “daffare” leggiamo:  daffare s. m. (non usato al plur.). – Lo stesso che da fare, sostantivato per indicare lavoro, attività in genere, che si debba svolgere, spec. se sia intensa o crei preoccupazioni: ho un gran d.; ho avuto un bel d.; il d. non mi manca.

A nostro modo di vedere, però, è preferibile la grafia univerbata solo quando “fare” è adoperato in funzione di sostantivo: povero Giovanni, avrà un gran daffare per tenere a bada tutti quei fanciulli. In grafia scissa quando il verbo ha valore... verbale: oggi non posso uscire, ho molto da fare.

 

* * *

Segnaliamo un interessante sito per l’apprendimento di una corretta dizione:

http://www.attori.com/dizione/Diz00.htm

 




permalink | inviato da FaustoRaso il 28/2/2010 alle 0:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 2069714 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La gogna
xxxxx

VAI A VEDERE

Dizionario di ortografia e di pronunzia
Coniugatore di verbi
Sinonimi e contrari
Dizionario di figure retoriche
Dizionario etimologico
Una frase per ogni occasione
Imparare la lingua giocando
Per i piccolini
Grammatica viva
Enciclopedie varie
Vocabolario "Treccani"
La "lingua" degli animali
Grammatica italiana
Gli abitanti di...
Il mestiere di scrivere
Dizionario informatico
Giornali italiani, esteri e siti utili
La poesia e lo spirito
Forestierismi "tradotti" in italiano
Vocabolario degli Accademici della Crusca
Impariamo l'italiano
"Cruscate", foro di discussione sulla lingua italiana
Proverbi (e modi di dire) italiani
Dizionario filosofico
Mitologia greca (dizionario)
Per una corretta dizione italiana




  "L'avere la lingua familiare sulle labbra non basta: senza accompagnarne, senza rettificarne l'uso con lo studio e con la ragione è come uno strumento che si è trovato in casa e che non si sa maneggiare".


(Giuseppe Giusti)



Autori: PICOZZA - RASO
Editore: GANGEMI

Volume vincitore alla III edizione del premio letterario nazionale "L'Intruso in Costa Smeralda"
------------------
Per quesiti cliccare, in alto,
su "Il mio profilo"
------------------

Le immagini sono prese dalla Rete, quindi di dominio pubblico. Se gli autori o i soggetti  sono contrari alla pubblicazione potranno scrivermi e  provvederò prontamente alla rimozione.

CERCA